Maglia e giovani, ma tanto

sabato 2 gennaio 2016


Oggi nella tana dell'orso abbiamo un ospite molto interessante. Si tratta di un magliuomo in erba , giovanissimo, ma di grande talento. Si chiama Riccardo, ha undici anni ed è riuscito in un'impresa difficile: fare un bel maglione per sé e finirlo! Confessate, quanti scheletri si nascondono nei vostri armadi sotto forma di maglioni iniziati e mai finiti? Lo ammetto, ne ho uno anch'io.
Ma torniamo al nostro ospite. Il suo lavoro mi ha colpito a tal punto che ho deciso di mostrarlo qui e di fare al suo autore qualche domanda.

Riccardo col suo nuovo maglione


D: Ciao Riccardo, il tuo maglione mi ha colpito moltissimo. Da quanto tempo t'interessi di lavoro a maglia? E cosa ti piace di questa attività?
R: Lavoro da un anno e uno dei fatti che mi soddisfa di più quando lavoro a maglia è vedere a poco a poco il lavoro crescere.

D: Una domanda che anch'io mi sono sempre sentita rivolgere e che vorrei fare anche a te è questa: come e da chi hai imparato a lavorare? 
R: Ho imparato grazie a mia mamma: quando la vedevo lavorare volevo che mi insegnasse, ma lei ribadiva che ci voleva troppa pazienza; però ho insistito tanto che lei si è arresa e mi ha fatto vedere i procedimenti e ho fatto uno scaldacollo ed ho un po' imparato...era comunque il peggiore che ho mai fatto...

D: Come hai scelto il modello? Si tratta di uno schema che hai trovato su una rivista o lo hai disegnato tu stesso? 
R: Il modello l'ho trovato in una rivista ma io e la mamma abbiamo fatto qualche paciughetto con i calcoli - o meglio - mia mamma ha fatto qualche paciughetto per essere sincero. Ora ho comunque in mente tantissime altre idee.

D: Qual è la parte del lavoro che trovi più difficile e quale la più piacevole e interessante?
R: La parte più divertente per me sono state le trecce e le più difficili il primo punto nel cambio di colore e l'accavallato triplo!


E con gli avanzi? Riccardo si è fatto anche un bel cappello. Io sono rimasta senza parole.


 

Riccardo, grazie per il tuo tempo e complimenti per le tue capacità davvero straordinarie. Spero, in futuro, di vedere qualche altro ottimo lavoro fatto da te.

11 commenti:

  1. Senza parole....che bel inizio d'anno. Complimenti a Riccardo ed alla mamma che le ha sputo trasmettere la passione per questa arte e pazientemente glie l'ha insegnata.

    RispondiElimina
  2. Penso che il merito, se proprio vogliamo attribuirlo, vada a Riccardo soprattutto, alla passione che ha maturato, senza la quale ogni insegnamento sarebbe stato forse vano.Mia madre non aveva alcun interesse per la maglia, ma a me piaceva tanto e ho trovato altre vie per sviluppare le abilità necessarie.
    Adesso uso internet che mi ha permesso di imparare cose nuove e di condividere la soddisfazione dei risultati positivi.
    Anna

    RispondiElimina
  3. Ma dai!!! Come lo hai conosciuto?!? Un mito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mamma di Riccardo è una cantante jazz e insegna nella scuola dove lavoro. Comunque pare che sia un ragazzino piuttosto geniale!

      Elimina
  4. Bravissimo, dovrò conoscerlo :)

    RispondiElimina
  5. miticoh! aspettiamo che sia maggiorenne per farlo entrare nei Magliuomini! ��

    RispondiElimina
  6. Come dice una mia amica: le mele non cadono lontane dall'albero! E a volte danno anche ottimi frutti! Complimenti a Riccardo e grazie a te per avercelo presentato, susinapenelope

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo,la storia delle mele è vera, di solito :-)

      Elimina
  7. Grazie a tutti della visita, ho mostrato alla mamma di Riccardo i vostri commenti e lei mi ha raccontato che, per Natale, ha chiesto e ricevuto molti gomitoli, perciò, ci saranno altri lavori a maglia per lui nel prossimo futuro!

    RispondiElimina
  8. Confermo!
    E Riccardo ringrazia tutti!!
    Elisabetta (mamma di Richi)

    RispondiElimina