Bella ciao

venerdì 31 maggio 2013

« Una mattina mi son svegliato,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
Una mattina mi son svegliato
e ho trovato l'invasor.

O partigiano, portami via,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
O partigiano, portami via,
ché mi sento di morir.

E se io muoio da partigiano,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
E se io muoio da partigiano,
tu mi devi seppellir.

Mi seppellirai [Mi porterai / E seppellire] lassù in [sulla] montagna,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
E seppellire [Mi seppellirai / Mi porterai] lassù in [sulla] montagna
[sotto l'ombra] all'ombra di un bel fior.

E [Tutte] le genti che passeranno
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
E [Tutte] le genti che passeranno
Ti diranno «Che bel fior!»

«È questo il fiore del partigiano»,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
«È questo il fiore del partigiano
morto per la libertà!» »

Un saluto a Franca Rame e a Don Andrea Gallo

4 commenti:

  1. una donna straordinaria, Franca Rame!

    RispondiElimina
  2. Don Gallo avrei tanto voluto conoscerlo davvero, io non amo particolarmente i preti e decisamente lui non era un prete comune...o forse lo era più di tutti.
    Franca Rame è stata, o almeno avrebbe dovuto essere, un esempio di donna tenace e dolcissima...e anche con la sua morte molti hanno perso un occasione per starsene zitti...

    RispondiElimina